I nostri percorsi

Mindfulness Based Eating Awareness Training – MB-EAT

Senti il bisogno di far pace con il cibo? Puoi farlo, tornando ad avere un rapporto più consapevole e flessibile con ciò che mangi.

Nella prima parte della nostra vita il rapporto con il cibo si basa sulla soddisfazione istintiva della fame fisica. Mangiamo quando abbiamo fame e smettiamo quando siamo sazi. L’alimentazione intuitiva si mantiene in media fino ai 7/8 anni d’età, poi le regole, i modelli familiari e la scoperta dei tanti significati che il cibo può avere, dalla socializzazione alla gestione della fame emotiva, ci allontana da questo funzionamento. Iniziamo a mangiare perché siamo felici, tristi, perché siamo in mezzo agli altri o semplicemente perché sentiamo un profumo irresistibile di pane appena sfornato.

E’ normale che questo avvenga, ma se ti è capitato anche di sottoporti in più occasioni a diete molto restrittive il contatto tra stomaco e mente si è arrugginito e le tue scelte alimentari si basano invece che sul tuo istinto solo su regole e indicazioni nutrizionali date da professionisti o prese sull’onda delle emozioni.

Il rischio è di abbuffarsi occasionalmente, mangiare molto più di quello di cui avresti la necessità, consumare alimenti che non ti piacciono o trovi noiosi e tristi.

Il cibo è uno dei pilastri del tuo benessere, è un’occasione quotidiana per rimettere in moto il meccanismo che regola la fame e la sazietà, prendere decisioni consapevoli a tavola e gestire la fame emotiva è fondamentale per prenderti cura di te e acquisire uno stile di vita sano. Ritornare a mangiare in modo totalmente intuitivo non è possibile, ma puoi lavorare su consapevolezza e flessibilità alimentare.

 

Il protocollo MB-EAT è un percorso di incontri (online o dal vivo) dedicati all’apprendimento delle tecniche di mindfulness e consapevolezza alimentare. Lo scopo è attivarti nel momento del pasto, favorendo l’ascolto del tuo corpo e dei segnali di sazietà.

Il protocollo di Mindful Eating prevede 10 incontri strutturati ognuno con una parte teorica introduttiva, esercizi di presenza nel qui ed ora e consapevolezza alimentare. E’ dato largo spazio alla condivisione di emozioni e pensieri che guidano le scelte alimentari ed è richiesto un impegno quotidiano di circa 20/30’ per l’esecuzione degli homeworks lasciati di volta in volta.

 

L’alcool aiuta a dormire meglio?

Scopri quante ne sai sul sonno.

Quali cibi per dormire meglio?

Digiuno serale o spuntino notturno? scopriamo quali abitudini alimentari favoriscono un buon riposo

8 sedute per sconfiggere l’insonnia

Esiste un modo per combattere l’insonnia senza farmaci: il trattamento cognitivo comportamentale