I nostri percorsi

Trattamento dell’insonnia con protocollo CBT

Difficoltà di addormentamento, risvegli frequenti e incapacità di riaddormentarsi. Alcune manifestazioni dell’insonnia che possiamo affrontare con un percorso validato scientificamente.

La Cognitive Behavioral Therapy for Insomnia (CBT- I) è un protocollo breve indicato per il trattamento non farmacologico dell’insonnia primaria e cronica. Si svolge in 8 incontri ed è un intervento multicomponenziale che include:

  • una fase di psicoeducazione sul sonno, mirata ad incrementare le conoscenze sul sonno e sui meccanismi dell’insonnia, andando a correggere le credenze irrealistiche rispetto al fabbisogno e alle conseguenze della carenza di sonno;
  • tecniche comportamentali per favorire l’adozione di abitudini corrette ed evitare comportamenti che impediscono di dormire bene;
  • tecniche cognitive che aiutano il paziente nell’individuazione e modifica dei pensieri disfunzionali e nella riformulazione di aspettative irrealistiche riguardo il sonno, allo scopo di ridurre le emozioni negative che ne conseguono;
  • una fase di riprogrammazione del sonno del paziente che tenga conto del suo fabbisogno individuale e che favorisca un sonno ristoratore.

In questo articolo si forniscono maggiori dettagli sul protocollo cognitivo-comportamentale per il trattamento dell’insonnia.

 

L’alcool aiuta a dormire meglio?

Scopri quante ne sai sul sonno.

Quali cibi per dormire meglio?

Digiuno serale o spuntino notturno? scopriamo quali abitudini alimentari favoriscono un buon riposo

8 sedute per sconfiggere l’insonnia

Esiste un modo per combattere l’insonnia senza farmaci: il trattamento cognitivo comportamentale